Avviso: Il nostro sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Arte

Nonostante il progressivo impaludamento del Clanis avviato dopo la caduta dell’impero romano e durante le prime invasioni barbariche, i documenti e le carte dell’epoca ci parlano, fino almeno dall’anno Mille, di numerosi centri murati dislocati sui piccoli promontori della Valdichiana, perennemente contesi tra Siena e Firenze e per questo motivo caratterizzati da casseri e fortificazioni. In questo periodo i centri si riempiono esponenzialmente di chiese e monasteri, facile luogo di committenza e di attrazione per artisti e maestranze di altissimo profilo, che esplosero in pieno Umanesimo e Rinascimento, con opere di Beato Angelico, Piero della Francesca, Luca Signorelli, Bartolomeo della Gatta, ed altissime maestranze anche nelle arti “minori” dell’oreficeria, della ceramica, della terracotta invetriata (si pensi ai Della Robbia). Con la vittoria fiorentina a Scannagallo il destino dei centri della Valdichiana è legato alla casata dei Medici prima e dei Lorena poi.

Downloadhttp://bigtheme.net/joomla Joomla Templates

Valdichiana Musei

Il portale della cultura in Valdichiana.